Competenza transculturale

Competenza transculturale

L’impegno per le pari opportunità è fondamentale per garantire un’assistenza sanitaria di qualità. Ridurre le disparità è una responsabilità di tutti e la chiave per raggiungere tale obiettivo risiede nell’adattare il sistema sanitario garantendo ai professionisti del settore ampio accesso alla formazione in materia di competenza culturale. Con questo termine s’intendono le conoscenze, le abilità e gli atteggiamenti che agevolano la fornitura di prestazioni sanitarie a pazienti provenienti da contesti sociali, culturali, economici e linguistici molto diversi.

Spesso, nonostante siano i professionisti stessi ad ammettere le loro scarse conoscenze e abilità nel fornire assistenza competente a livello culturale, l’accesso a formazioni adeguate nelle istituzioni è limitato. Gli obiettivi principali da raggiungere per ottenere un vasto accesso alle formazioni in materia sono l’implementazione di un curriculum specifico per studenti di medicina e infermieristica, il potenziamento delle competenze specifiche per il personale medico, infermieristico e amministrativo e l’integrazione di questo tipo di formazione nei programmi di internato. La diffusione di nuovi strumenti didattici come l’e-learning dovrebbe permettere un accesso più ampio a costi inferiori.

Il programma di queste formazioni può variare, ma le tematiche principali dovrebbero essere: affrontare le barriere linguistiche e le questioni relative all’alfabetizzazione (in materia di salute), determinare il contesto sociale del paziente, approfondire le convinzioni e le pratiche del paziente in relazione alla malattia e gestire le negoziazioni. I possibili metodi didattici sono molteplici e includono e-learning, pazienti simulati e visite a istituzioni sanitarie di comunità caratterizzate da particolare diversità.

 

Downloads